Massive Darkness – Recensione di DiebyDice

60 views
0

In collaborazione con i ragazzi di DiebyDice ecco la recensione di Massive Darkness, uno dei giochi da tavolo più interessanti sul mercato!


Massive Darkness può essere considerato come uno dei principali progetti di Kickstarter nel suo contesto. E’ il momento di scoprire perchè!

Più si scende nell’oscurità e più l’aria si fa pesante.
I nostri passi echeggiano nelle mura di queste grotte, dandoci l’impressione di essere circondati da orde di nemici, anche se fortunatamente al momento siamo soli.
La nostra unica fonte di luce, la torcia, si spenge improvvisamente come tocchiamo l’ultimo gradino della lunga scalinata che abbiamo percorso…
“Non preoccupatevi amici miei” tuona il nostro chierico “la luce è sempre dalla nostra parte… KARAKH NULL!!!”.
Al pronunciare di queste parole, dalla bocca del chierico fuoriescono delle scintille dorate che vanno ad accendere tutte le torce poste ai lati del corridoio di fronte a noi.
“Io essere contento… Sgrunt!” – “Anch’io mio caro Ogre” dissi “Anch’io”. Ma un rumore sordo nell’oscurità spense i nostri sorrisi…

Massive Darkness è un dungeon crawler cooperativo per 2-6 giocatori, ideato e distribuito dalla CMON tramite la propria campagna kickstarter nel corso del 2016 (che all’epoca superò i 4 milioni di dollari!) e pervenuto quest’estate ai backer di tutto il mondo.
Per i non-anglofoni sappiate che il gioco sarà distribuito in Italia all’inizio del 2018 da parte della Asterion.
Riprendendo alcune regole dal cugino Zombicide, Massive Darkness ci trasporta all’interno di oscuri dungeon carichi di nemici pericolosi e di preziosi tesori. Possiamo affrontare queste avventure singolarmente (il gioco base ci propone dieci Quest) oppure iniziando una campagna, dove mano a mano i nostri personaggi cresceranno di livello ed acquisteranno di conseguenza nuove abilità ed equipaggiamenti.

Le regole sono piuttosto semplici: a turno ogni giocatore ha tre azioni, che può utilizzare per muoversi (spostarsi fino a due zone, aprire porte o raccogliere tesori), attaccare (corpo a corpo, distanza o magia), scambiare oggetti, riordinare l’inventario e altro ancora.
Va ricordato che molte abilità saranno attivate solo se ci si trova nelle caselle definite “buie” (entrando quindi in modalità ombra) che serviranno anche ad evitare i nemici quando la situazione si farà pericolosa.
Dopo che tutti i giocatori hanno portato a termine il proprio turno, toccherà ai nemici muoversi e/o attaccare gli eroi (secondo uno schema prefissato dalle regole), per poi pescare infine una carta evento (che può portare ad azioni negative o positive).
Le meccaniche di gioco non sono di per se una grossa novità (non per niente prima ho parlato di cugino di Zombicide), ma l’ambientazione che si respira è stimolante ed il divertimento non manca.

Inoltre la modalità campagna è molto interessante e, via via che sconfiggeremo i nostri nemici, acquisiremo punti esperienza utili per evolvere il nostro personaggio.
Il problema principale purtroppo è il poco bilanciamento degli eroi nei confronti dei mostri. Si arriverà, infatti, alla sesta/settima avventura, dove questi ultimi saranno molto più deboli rispetto agli eroi e quindi si vedrà un notevole abbassamento della difficoltà (infatti già girano in rete alcune House Rules utili a bilanciare il gioco).

La longevità di Massive Darkness è assicurata, poiché i nemici a ogni quest sono sempre differenti e le combinazioni eroi/classi da utilizzare sono tante… insomma, non ci si annoia mai. Inoltre il gioco gira bene sia in 2 che fino a 6 giocatori, bilanciando i punti ferita dei mostri in base al numero dei partecipanti (sconsiglio però di giocare in 5/6, ma solo perché i tempi di attesa si fanno più lunghi ed una partita può arrivare a durare dalle due alle tre ore).

Menzione a parte va fatta per la componentistica: le tiles sono ben disegnate e resistenti (anche se si imbarcano un pochino), carte tesori e mostri a volontà, artwork ben fatti e miniature… beh miniature super fantastiche. Difficilmente troverete in giro un gioco da tavolo con dei pezzi così dettagliati (e fatevelo dire… una volta dipinte, renderanno ancora meglio sul vostro tavolo) che solo nel set base contano 75 miniature, oltre 100 token vari e 12 dadi.
Tutta questa abbondanza si rispecchia nel prezzo di vendita sopra alla media. La campagna Kickstarter infatti partiva da un minimo di 110$ per aggiudicarsi la copia base, naturalmente ampiamente giustificati dal suo ricco contenuto.

In definitiva Massive Darkness è un gioco che diverte e fa divertire, bello da vedere e da giocare, ma se vi aspettavate il gioco che lasciasse il segno… beh potreste rimanere con un po’ di amaro in bocca, sopratutto i più esperti alla ricerca di nuove sfide.


PRO:

  • Comparto grafico ottimo
  • Una valanga di miniature di ottima qualità
  • Ore e ore di divertimento
  • Ambientazione ben resa e regole molto semplici
  • Buono il sistema della campagna…

CONTRO:

  • … a volte troppo sbilanciato a favore degli eroi
  • prezzo un po’ proibitivo (siamo oltre le 100€)
  • il gioco manca un po’ di anima.

Valutazione finale

Componenti: 5/5
Divertimento: 4/5
Apprendimento regole: 4/5
Bilanciamento: 3/5
Longevità: 3.5/5

Voto: 4/5

Recensione by Manolo – Scrittore Maledetto