Bunny Kingdom – Recensione

52 views
0

Tornano i ragazzi di DiebyDice con una recensione coccolosa! L’inaspettato Bunny Kingdom vi attende nei nostri negozi, un pezzo immancabile per chi colleziona giochi da tavolo esotici e alternativi!


Chi ha detto che “puccioso” è sinonimo di docile? Ultimamente stiamo scoprendo un mondo di animaletti bellissimi e coccolosi, che in realtà si fanno guerra se non peggio. E Bunny Kingdom, ultima fatica della IELLO, non è da meno… scopriamo insieme di cosa si tratta.

Bunny Kingdom è un gioco strategico per 2-4 giocatori creato dalla mente di Richard Garfield (già autore di Magic per intenderci) e distribuito/tradotto in Italia da Mancalamaro. Nel gioco utilizzeremo un gruppo di conigli combattenti con i quali, in puro stile fantasy-medievale, dovremmo tentare di conquistare più territori possibili così da ottenere più carote d’oro (punti vittoria) rispetto ai nostri avversari.

Dopo aver piazzato il tabellone ed aver posto le fortezze da una torre nelle città, ogni giocatore prende i coniglietti del colore che preferisce e la partita può iniziare da subito, seguendo le fasi sottostanti:

Fase 1 – DRAFT:

Si ditribuiscono ad ogni giocatore un quantità di carte in base al numero dei partecipanti e successivamente se ne scelgono due dalla propria mano e si mettono a faccia in giù di fronte a se. Dopo di che si passeranno le restanti carte che si hanno in mano al giocatore successivo in senso orario ripetendo la suddetta procedura, fino a quando le carte non saranno terminate;

Fase 2 – PIAZZAMENTO:

Si girano tutte le carte precedentemente giocate (tranne quelle a forma di pergamena che forniscono punti solo a fine partita) e si piazzano fortezze o conigli sul tabellone in base alle coordinate riportate sulle proprie carte (sul tabellone infatti c’è uno schema simile alla battaglia navale, quindi se una carta riporta la dicitura H8, basterà incrociare le coordinate delle lettere e dei numeri per capire dove piazzare la propria pedina);

Fase 3 – CONTEGGIO DEI PUNTI:

Una volta terminata la fase 2, si conteggiano i punti accumulati durante il round in corso facendo una semplice moltiplicazione: Forza x Risorse. Innanzitutto dobbiamo verificare quanti domini abbiamo (un dominio sono uno o più terreni collegati ortogonalmente ed occupati dal medesimo giocatore) e successivamente per ognuno di essi dobbiamo moltiplicare la nostra forza (cioè il numero totale di torri delle nostre fortezze) con le nostre risorse (differenti) che vengono prodotte. Esempio: un dominio di 4 territori possiede due fortezze per un totale di tre torri e produce tre risorse di cui due differenti. Il calcolo sarà dunque: forza (3) x risorse (2) = 6″.

Queste fasi verranno ripetute per un totale di 3 round, dove alla fine dell’ultimo verranno sommate le carte pergamena di cui parlavo prima. Il giocatore che avrà ottenuto più punti vittoria sarà dichiarato il vincitore.

Come potete vedere Bunny Kingdom si spiega in pochi minuti e si gioca in un tempo di 45 minuti e questo è il suo più grande pregio. La sua leggerezza lo rende uno di quei giochi che intavoli sempre volentieri e che non è per nulla banale… certo l’aleatoria è altissima perché il tutto dipende da quali carte vi capitano in mano, ma se siete amanti dello strategico sarà comunque un piacere per voi cercare la tattica più adatta da utilizzare in base alle carte nella vostra mano.

Abbiamo trovato i materiali di buon livello ed in linea con il prezzo della confezione (consiglio comunque le bustine protettive per le carte) ed i disegni rispecchiano in maniera simpatica lo stile del gioco. Giusto il tavellone risulta un pò troppo statico… per carità è necessario che sia cosi per lo stile del gioco, ma avrei inserito ad esempio un tabellone double-face per rendere le partite più varie.

Bunny Kingdom si dimostra dunque come un gioco leggero che non pretende molto e sa che il suo compito è quello di far divertire i giocatori con la sua semplicità. Una partita tira l’altra e che siate i vincitori o gli sconfitti, al termine del gioco ne uscirete sempre con un sorrisetto di soddisfazione.

PRO:

  • Semplice e veloce
  • Divertimento assicurato
  • Buono strategico

CONTRO:

  • Altissima aleatoria
  • Un solo tabellone
  • Non adatto a chi cerca sfide più impegnative

Valutazione finale

Componenti: 3/5
Divertimento: 4/5
Apprendimento regole: 4/5
Bilanciamento: 2,5/5
Longevità: 3/5

Voto: 3,5/5