IL SENTIERO CREMISI: Cronologia delle Crociate Nere (Parte II)

11 views
0
Ecco la seconda parte della storia delle Crociate Nere di Abaddon, se vi siete persi la prima parte la  trovate qui!
Vigilus sta bruciando, le Legioni si radunano e l’Imperium trema: ora che Abaddon è tornato non c’è Primaris che tenga!
Continuiamo a celebrare il ritorno del Distruttore con la cronologia delle sue (ingiustamente ritenute falimentari) Crociate Nere, le incursioni che in diecimila anni
hanno permesso di demolire l’Imperium fino a ridurlo alla barzelletta che è oggi!
Indossate i vostri vox e via!

OTTAVA CROCIATA NERA (999.M3)

Abaddon celebra un ritual in onore di Tzeentch, il Dio della stegoneria.
In tutto il Segmentum Obscurus i Cultisti nascosti rispondono al segnale e si mettono all’opera, uccidendo milioni di persone prima che l’Inquisizione
capisca il meccanismo del rituale e ponga fine al massacro.

NONA CROCIATA NERA (537.M38)

Abaddon lancia la Nona Crociata con un obiettivo ben preciso: distruggere la fortezza di Cancephalus e il mondo Formicaio di Antecanis.La Legione Nera distrugge entrambi i pianeti in diciassette anni di guerra costante, e quando l’Astra Militarum arriva è ormai troppo tardi: i Marines del Caos
abbandonano la zona di guerra, ma non prima di aver tempestato di missili sulla capitale in un puro gesto di disprezzo. Senza la forza lavoro e le industrie dei due
pianeti, la Legione Nera causa saccheggi e disastri per tutto il settore. Solo gli Space Marine dei Lamenters si oppongono al Distruttore, abbandonati persino dagli alleati Mortifactor a causa della loro terribile reputazione. Quando i rinforzi Ultramarine e White Scars arrivano e respingono le forze nemiche, i Lamenters sono ridotti a meno di 200 uomini e vengono considerati un capitolo perduto.

DECIMA CROCIATA NERA (001.M39)

Nota anche come Conflitto di Helica, viene condotta da Abaddon e dal Demone Primarca Perturabo. Black Legion e Iron Warriors attaccano I mondo del settore Scarus e mentre le forze del Distruttore si occupano del mondo capitale Thracian Primaris i soldati di Perturabo attaccano le forze degli Iron Hands, ansiose di ripagare vecchi debiti e portandoli quasi sull’orlo dell’estinzione. Solo l’arrivo dei rinforzi pone fine all’assedio delle forze del Caos, che ripiegano nell’Occhio del Terrore con importantissimi informazioni sulle difese del settore da utilizzare in seguito.

UNDICESIMA CROCIATA NERA (301.M39)

Nel tentative di navigare le Tempeste Warp intorno all’Occhio del Terrore Abaddon impiega una nuova sorta di navi demoniache: lo sforzo si rivela insufficiente e le navi finiscono in orbita intorno al mondo di Relorria, direttamente in rotta di collisione con la Waaaagh Orkeska del Kapoguerra Murgor.
Marines e Orki iniziano una battaglia sanguinosa, alla fine della quale Abaddon decide di tornare nell’Occhio del Terrore. Nonostante sia considerata la Crociata Nera meno performante di tutte, le forze della Black Legion catturano migliaia di pelleverde destinati a blasfemi esperimenti.

DODICESIMA CROCIATA NERA (139.M41)

Nota anche come la Guerra Gotica, fu combattuta per il controllo del Settore Gotico all’interno del Segmentum Obscurus.
Abaddon riesce a catturare due delle antichissime ed estremamente potenti Blackstone Fortresses, grazie alle quali devasta le forze imperiali che gli si oppongono.
Solo l’aiuto degli Eldar permette all’Imperium di evitare la distruzione totale, ma Abaddon torna comunque nell’Occhio con le fortezze, armi che gli saranno fondamentali quando attaccherà Cadia nella Tredicesima Crociata Nera.

TREDICESIMA CROCIATA NERA (999.M41)

Il più grande conflitto fra forze del Caos e Imperiali dai tempi dell’Eresia di Horus, la Tredicesima Crociata è stata il più grande successo di Abaddon finora. Abaddon raduna tutte le Legioni e attacca il Segmentum Obscurus, deciso a sopraffare il Mondo Fortezza di Cadia ed assicurarsi un passaggio
sicuro verso la Terra. Nonostante la comparsa di Santa Celestina e le impressionanti forze di Difesa del Pianeta, tutto è vano: Abaddon viene rallentato dalla comparsa di avversari inaspettati ma alla fine scaglia una delle Blackstone Fortress sul pianeta, mandandolo finalmente in frantumi e distruggendo i Piloni, gli antichi manufatti xeno che limitavano l’influsso del Caos nella galassia. Gli eventi della Tredicesima Crociata hanno cambiato per sempre il destino della galassia causando l’apertura della Cicatrix Maledictum (la più grande Fenditura Warp mai esistita) e costringendo i sopravvissuti di Cadia e gli Ynnari, la nuova fazione degli Eldar, ad allearsi per tentare una mossa pericolosa e disperata: la resurrezione del Primarca Roboute Guilliman e la messa in
opera del progetto Primaris.
Cosa farà Abaddon, ora che la vittoria ultima è così vicina? Se Cadia è caduta, quante possibilità ha Vigilus di resistere alla furia del Distruttore? Lo scopriremo presto, continuate a seguirci!

 Mauro Canavese